Pubblicato il Lascia un commento

Il Comb: l’anima dell’armonica

Il comb è il corpo centrale dell’armonica, sul quale vengono montati reedplate e cover dello strumento. Questi sono costruiti in diversi materiali che possiamo dividere in tre principali gruppi: legni, plastiche, metalli.

Diversi tipi di comb di diverso materiale da: www.riccardogrosso.com

I gruppi di materiali dei comb.

A seconda della qualità di comb montato sull’armonica, questa sarà oggettivamente più o meno reattiva, grazie alla tenuta ermetica tipica del comb di qualità. A parità di gruppo (legni), un comb in legno di pero non avrà mai la rigidità necessaria a formare una reale tenuta ermetica con i reedplate come invece si può trovare sulle controparti di noce o di ebano. Ovviamente stagionati.

Un comb in ABS ha una tenuta piuttosto buona, ma alcuni armonicisti giurano che usare comb di altre plastiche, come la resina di cellulosa delle Suzuki Manji dia loro un miglior senso di suonabilità.

Un comb in alluminio o uno in acciaio sono sicuramente interessanti: specialmente con l’acciaio l’armonica acquista un certo peso. La tenuta dipende molto da come vengono lavorati.

Nel gruppo dei legni troviamo: pero, doussie, ebano, noce, bosso, acero, bambù. Solitamente sono laccati ad uno o più strati con una lacca naturale e quindi che non crea problemi a contatto con la bocca. Possono variare di spessore, cambiando leggermente timbrica e volume all’armonica. È consigliabile non lavarli immergendoli in acqua: potrebbero sempre “gonfiarsi”.

Nel gruppo delle plastiche troviamo: ABS, plexiglass, acrilico, resine con cellulosa, corian. La loro stabilità è garantita nel tempo. Lavabili in acqua senza problemi, la precisione della lavorazione ne determina la qualità.

Per quanto riguarda il gruppo dei metalli: alluminio, acciaio inox, ottone sono i principali metalli usati, anche se esistono comb in titanio (ma visto il costo del materiale e le differenze rispetto all’acciaio solo in termini di peso non giustificano una grossa produzione di questi). Con il metallo entra in gioco, in maniera necessariamente prepotente, la qualità tecnica della realizzazione. Angoli non smussati o raggiati possono essere letali per le nostre labbra.

La Qualità di Lavorazione.

A prescindere dai materiale, la qualità di lavorazione è un fattore determinante. La perfetta profilazione del corpo centrale dell’armonica e la rettifica delle superfici dove poggeranno i reedplate giocano un ruolo determinante.

I fori delle viti devono essere circolari, del giusto diametro e perfettamente passanti, oltre ad essere perfettamente allineati sull’asse del reedplate. Lo stesso vale per i fori delle viti di chiusura delle cover.

La raggiatura dei divisori presenti sul comb, qualora fossero esposti alle labbra come nel caso delle diatoniche, deve essere presente, per essere sicuri che non ci siano spigoli vivi (specialmente, ma non solo, sui comb plastici e metallici).

Le dimensioni delle gole e la loro spaziatura devono essere corrette e maggiore è il numero di viti per il fissaggio dei reedplate migliore sarà la tenuta dell’aria.

A tutto questo va aggiunta la qualità dei materiali, a prescindere dal gruppo di appartenenza. Il comb è quindi una combinazione di doppie qualità: di lavorazione e di materiale.

Differenze Sonore

Esistono delle vere differenze sonore? Questa è una domanda che periodicamente compare nella comunità degli armonicisti e non c’è una risposta unica.

Alcuni dicono che non c’è differenza nel suono finale, altri che percepiscono una differenza importante.

Sicuramente ciò che è vero riguarda la suonabilità: una migliore qualità di comb aiuta ad avere un’armonica performante e reattiva, per quanto riguarda il suono, però, entrano in gioco anche altri fattori.

Prima di tutto il settaggio dell’armonica: specialmente il gap delle ance e la loro qualità. La presenza di aperture a lato delle cover fa percepire il suono in modo diverso: altro fattore importante per un giudizio sul suono.

Quindi un comb migliore rende sicuramente lo strumento “diverso” e regala una suonabilità sensibilmente percettibile, importantissima per chi suona. Il timbro sicuramente può venire enfatizzato su certe risonanze: solitamente si percepisce il metallo con una timbrica più brillante, mentre il legno viene percepito con un tono più scuro e quindi “caldo”. Tuttavia non fa miracoli: è una inflessione di un timbro, il nostro, che esiste già e se non abbiamo un buon timbro di base, il cambio di comb sicuramente non farà miracoli.

Tuttavia, avere un comb di qualità aiuta a suonare meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.