Pubblicato il Lascia un commento

Giovendorser presenta: Charlie Musselwhite (Seydel)

charlie musselwhite

ll viaggio di Charlie Musselwhite attraverso il blues si snoda dalla nascita nel Mississippi a Memphis, Chicago e la California. Trasferitosi a Chicago all’inizio degli anni Sessanta, arriva giusto in tempo per l’epocale revival del Blues. Nel 1966, all’età di 22 anni, incide la pietra miliare “Stand Back! Here Comes Charlie Musselwhite’s Southside Band” che riceve subito recensioni entusiastiche.

Nel 1967 si sposta a San Francisco, dove le radio undeground trasmettono il suo album. Accolto nella scena della controcultura locata intorno a Fillmore West dove viene considerato un autentico interprete del vero blues.

Cinquant’anni di tournée, concerti e registrazioni senza sosta hanno dato grandi frutti a Musselwhite, prova vivente che la grande musica migliora con l’età. Questo artista si è fatto le ossa a fianco di Muddy Waters, Howlin Wolf e agli del South Side di Chicago nei primi anni Sessanta ed è ancora tra noi per mantenere vivo quel cordone ombelicale che lega la tradizione con il contemporaneo.

Più di 20 album dopo, Charlie è al top della sua carriera. È un venerato veterano del blues che non ha intenzione di appendere l’armonica al chiodo. Il suo spessore come strumentista e cantante non ha eguali e non accenna a diminuire.

Da molti anni Charlie collabora con i migliori artisti del mondo, tra cui Ben Harper, Cyndi Lauper, Eddie Vedder, Tom Waits, Bonnie Raitt, The Blind Boys of Alabama, Gov’t Mule, INXS, Mickey Hart e i giapponesi Kodo Drummers, George Thorogood, Eliades Ochoa, Cat Stevens e l’amico personale e testimone di nozze John Lee Hooker.

Charlie Musselwhite, più di ogni altro armonicista della sua generazione, può a buon diritto rivendicare di essere erede dei molti dei grandi armonicisti che lo hanno preceduto con la sua musica “scura come il fango del Mississippi ed edificante come il cielo blu della California”.

In un’epoca in cui il termine “leggendario” viene applicato alle pop star , questo armonicista Blues, cantante, cantautore e chitarrista deve essere onorato come leggenda della musica americana.

I

Charlie usa le Seydel 1847 Classic.

Per saperne di più puoi visitare il suo sito ufficiale www.charliemusselwhite.com e goderti questa intervista di Riccardo Grosso proprio a Musselwhite: clicca qui

Pubblicato il Lascia un commento

Giovendorser presenta: Howard Levy (Hohner)

Howard Levy

Ho sempre preferito il suono di una Hohner. Gli overblow suonano meglio: li fai e basta

Howard Levy

Howard Levy è un riconosciuto maestro dell’armonica diatonica, un superbo pianista, compositore innovativo, artista discografico, bandleader, insegnante e produttore. Frequentò Northwestern University, dove suonava il pianoforte nella Jazz Band dell’università, guidata dai musicisti jazz Bunky Green e Rufus Reid. In quel perioodo ha scritto molte composizioni jazz, tra cui la title track del CD “Tonight and Tomorrow”, che è stato nominato uno dei 100 migliori CD jazz del 2010 da Downbeat Magazine. Howard sviluppò anche l’amore per i Blues e iniziò a suonare l’armonica diatonica all’età di 18 anni ancora matricola alla Northwestern. Amava lo strumento, ma era frustrato dal fatto che non poteva suonare tutte le note su di esso. Suonare in modo standard, non era sufficiente. Dopo alcuni mesi, ha capito come ottenere le note mancanti, facendo diventare l’armonica diatonica uno strumento completamente cromatico, sviluppando tecniche che non erano mai state approfondite davvero in passato, anche se già usate prima. Questo permise a Howard di portare l’armonica fuori dal suo solito ruolo di strumento folk e blues, e farla crescere anche nel mondo della musica jazz, classica, mediorientale e altro ancora.

Iniziò anche a suonare sassofono, chitarra, mandolino, flauto e percussioni. Divenne direttore musicale e compositore capo per il gruppo latino/jazz Chévere de Chicago, co-fondatore della Balkan Rhythm Band (musica bulgara e macedone), in tour e registrato con il famoso cantautore Steve Goodman, John Prine e Bonnie Koloc, ha guidato il suo quintetto di jazz, ha suonato con molti dei migliori artisti jazz di Chicago, e ha avuto una fiorente carriera come musicista in studio, suonando musica per oltre 1.000 spot televisivi e radiofonici. Si esibì anche con il grande jazz latino Tito Puente, che lo portò a suonare il pianoforte e l’armonica per diversi anni con il sax cubano e il maestro di clarinetto Paquito D’Rivera. Ha pubblicato “Harmonica Jazz”, il primo album jazz mai registrato da un armonicista diatonico. Dal 1988 al 1992, Howard era un membro di Bela Fleck e dei Flecktones. Ha registrato 4 CD con la band, e da allora ha preso parte a reunion tour e registrazioni, tra cui 2 Grammy – Registrazioni vincenti in 1996 e 2011. Howard ha condiviso il Grammy Award 2011 per la migliore composizione strumentale con Bela Fleck per “Life in 11”. Mentre era in questa band, Howard ha sviluppato la capacità unica di suonare pianoforte e armonica contemporaneamente, suonando come 2 persone. Nel corso degli anni, Howard ha registrato su oltre 300 CD e DVD in molti stili di musica, prodotto oltre 20 CD e suonato su 5 colonne sonore di film di Hollywood. Tra gli artisti di spicco con cui Howard ha registrato e/o suonato ci sono: Dolly Parton, Kenny Loggins, Bobby McFerrin, Donald Fagen (Steely Dan), Victor Wooten, Paul Simon, Paquito D’Rivera, Kurt Elling, Spyro Gyra, Styx, Chuck Mangione, Pete Seeger, Charlie Mariano, Alan Jackson e Tom Paxton.Howard, due volte vincitore del Grammy Award (Pop Music Performance e composizione strumentale con Bela Fleck e The Flecktones) è apparso su centinaia di CD e diverse colonne sonore di film, con collaborazioni importanti quali: Kenny Loggins, Dolly Parton, Paquito D’Rivera, Styx, Donald Fagen, Paul Simon, e molti altri.

Howard Levy è un endorser del marchio HOHNER – https://hohner.de – le sue armoniche principalmente utilizzate sono Marine Band 1896 e Golden Melody.

Pubblicato il Lascia un commento

Giovendorser presenta: Taj Mahal (Lee Oskar)

Taj Mahal

“Quello che mi ispira di più della mia carriera? Essere stato in grado di guadagnarmi da vivere suonando la musica che ho sempre amato e che volevo suonare sin dai primi anni ’50. Il fatto che io sia ancora coinvolto nel godermi una carriera entusiasmante in questo momento è davvero impagabile. Lo sto facendo alla vecchia maniera e non è facile..”

Taj Mahal

Taj Mahal è una figura musicale imponente, una leggenda che ha trasceso il blues non lasciandolo indietro, ma rivelando la sua magnifica portata al mondo. A più di 50 anni dal suo debutto da solista vanta tre vittorie ai Grammy, l’appartenenza alla Blues Hall of Fame e un Lifetime Achievement Award dall’Americana Music Association.

Nato ad Harlem nel 1942 da genitori musicisti, e trasferitosi a Springfield, Massachusetts all’inizio degli anni ‘50 si trovò in un crogiolo microcosmico di immigrati provenienti da tutto il mondo: Caraibi, Sud America, Europa, Mediterraneo, Siria, Libano.

Nel 1967, il debutto omonimo di Taj annunciò l’arrivo di un audace giovane bluesman. Fa seguito, L’anno successivo il secondo album The Natch’l Blues. E l’esibizione nel The Rolling Stones Rock and Roll Circus, un film destinato alla BBC insieme a Rolling Stones, The Who e Marianne Faithfull.

Gli anni ’70 furono un periodo di registrazione produttivo e ambizioso per Taj, iniziò a sperimentare fusioni e flirt globali con l’intenzione di scoprire sia il nuovo che il vecchio ignorando i confini imposti dal commercio. Il suo blues grintoso iniziò a incorporare latino, reggae, caraibico, calypso, cajun, jazz e altro, il tutto stratificato su una base di radici distintamente afrocentriche.

Negli anni 90 le vittorie consecutive ai Grammy per il miglior album blues contemporaneo insieme alla Phantom Blues Band con Señor Blues e Shoutin’ in Key.

Nel 2008, In occasione del 40° anniversario della sua carriera discografica da luce all’album “Maestro” seguito da “TajMo” del 2018 in collaborazione con Keb’ Mo’ segna il suo terzo Grammy.

Diversi progetti sono attualmente in lavorazione, Taj rimane entusiasta. Mentre pensa alle dozzine e alle dozzine di album, collaborazioni, esperienze dal vivo e suoni catturati, trova soddisfazione in un’idea principale. “Finché non sto mai seduto qui a dire a me stesso: ‘Sai? Hai avuto un’idea 50 anni fa e non l’hai portata a termine, ‘Sono davvero felice”, dice. “Non importa nemmeno che le altre persone lo sentano. È importante che io lo senta, che l’ho fatto”

Ciò che guida il grandissimo Taj Mahal non sono i riconoscimenti o i premi, ma un’identità di vero Artista della musica: “Non è fame, non è lussuria o una sete di fama. È solo un mezzo per una maggior conoscenza di sé, per rendersi conto che quasi tutto è proprio dentro di noi. Siamo così abituati a cercare le cose fuori di noi stessi, mentre ciò che cerchiamo è proprio qui, dentro di noi e dentro la musica”.

Taj Mahal è un endorser delle armoniche LEE OSKAR: http://leeoskar.com. Per altre notizie su Taj Mahal, il suo sito –www.tajblues.com

Trovate le armoniche Lee Oskar in Bottega:

Pubblicato il Lascia un commento

Giovendorser presenta: Billy Branch (Suzuki)

La Suzuki Manji è molto adatta alle mie esigenze come artista: il suo design elegante è facile da usare e si adatta comodamente nelle mie mani

Billy Branch

Quando si pensa ai diversi musicisti Blues il riferimento geografico è spesso legato al sud degli States, ma non è il caso di Billy Branch, nato a Chicago nel 1951 ed è cresciuto nella città di Los Angeles.

Billy prese per la prima volta un’armonica all’età di dieci anni e cominciò subito a suonare semplici melodie. Nell’estate del ’69 tornò a Chicago e si laureò in scienze politiche presso l’Università dell’Illinois.

Fu durante questi anni che fu introdotto al Blues.

Presto s’immerse nella scena Blues locale trascorrendo una grande quantità di tempo in leggendari club blues come il Queen Bee’s e il Theresa’s Lounge, imparando e affinando la sua tecnica grazie anche ad armonicisti come Big Walter Horton, James Cotton, Junior Wells e Carey Bell.

Fece la sua prima registrazione per la Barrelhouse Records e iniziò a lavorare come apprendista armonicista nel Chicago Blues All-Stars di Willie Dixon.  Alla fine ha sostituì Carey Bell e lavorò con Willie Dixon per sei anni.

Durante questo periodo, Billy formò i Sons Of Blues (S.O.B.s) con musicisti che erano figli di famosi artisti Blues. I S.O.B.s originali consistevano di Billy, Lurrie Bell, Freddie Dixon e Garland Whiteside con i quali girò anche l’Europa suonando al Festival di Jazz di Berlino. Successivamente registrò per le sessioni dei Living Chicago Blues dell’Alligator Record (nominate ai Grammy) e suonò regolarmente in studio in oltre un centinaio di album.

Billy ha registrato e/o suonato con un incredibile elenco di leggende del blues tra cui: Muddy Waters, Big Walter Horton, Son Seals, Lonnie Brooks, Koko Taylor, Johnny Winter e Albert King.

Nel 1990 registra con altre tre “HARPLEGENDS”: Carey Bell, Junior Wells, e James Cotton;  l’album “HARP ATTACK!” vincitore del W.C Handy Award.

Anche nel 2004 riceve un W.C. Handy Award, questa volta insieme Kenny Neal con il disco “DOUBLE TAKE” per l’etichetta Aliigator.

Una delle tante iniziative di Billy è quella di portare avanti la tradizione blues alle nuove generazioni attraverso il suo programma Blues In The Schools.

È un educatore blues dedicato e ha insegnato nel sistema scolastico di Chicago per oltre vent’anni come parte del progetto Urban Gateways. Ogni anno, alcuni dei suoi migliori studenti aprono il Main Stage al Chicago Blues Festival, evento trasmesso in tutto il U.S. su la National Public Radio.

Il produttore Blues, Chicago Beau ha scritto: “Billy Branch è diventato un faro, un modello per i suoi tempi come artista e attivista socioculturale: Billy Branch è un Bluesman; Billy Branch è il Blues.

Da diverso tempo Billy Branch è un endorser del marchio SUZUKI: www.suzukimusic-global.com

Suona il modello Manji e questo è il suo pensiero:

Prima di tutto vorrei dire che sono molto contento di lavorare con Suzuki come nuovo sponsor. Sono anche orgoglioso di rappresentare il nuovo modello Manji e, soprattutto, onorato di aver contribuito al design di questa nuova dinamica armonica diatonica. Sento che la Manji è molto adatta alle mie esigenze come artista. Il suo design elegante è facile da usare e si adatta comodamente nelle mie mani. È leggera, ma offre un tono vivace e ricco che, come ogni serio suonatore di armonica Blues sa, è essenziale per una buona performance. Sono sicuro che il fondatore, Mr. Manji Suzuki, sia orgoglioso di avere il suo nome associato a questa armonica e anche io sono molto orgoglioso di suonarla.

Per conoscere meglio Billy Branch visita il suo sito www.billybranch.com

Qui sotto, invece, puoi scoprire la Suzuki Manji e tutti gli altri strumenti offerti dalla Suzuki.